Pompa di calore: ibrida o zero gas?

Qual è la spesa che incide di più sul bilancio familiare?

Quella che ci consente di riscaldare casa e acqua sanitaria.

Mette sempre un po’ di ansia l’arrivo delle bollette del gas, non è vero?

Esiste, però, un modo per risparmiare.

È stato provato, infatti, che un terzo dei consumi è determinato dal tipo di impianti di climatizzazione invernale adottato.

La scelta giusta tra caldaia, pompa di calore ad elettricità o ibrida potrà, dunque, farti risparmiare fino ad un terzo della tua bolletta.

Per questo motivo è importante fare una scelta ponderata e conoscere a fondo la tecnologia che si intende adottare.

Certo, hai già sentito parlare della pompa di calore, ma ancora non hai capito se fa al caso tuo. Di sicuro non vuoi rischiare di perder tempo e denaro senza ottenere il risparmio ed il comfort desiderato, giusto?

Allora è arrivato il momento di fare chiarezza!

La pompa di calore è un sistema che ti consente di produrre acqua calda sanitaria e scaldare i tuoi termosifoni senza utilizzare il gas. Sfrutta il calore latente presente nell’aria esterna.

Con la zero gas, quindi, potresti eliminare completamente le tue bollette del metano o, ancor meglio, le spese per il gpl.

Ma non tutte le abitazioni hanno le stesse caratteristiche. Inoltre, alcune aree geografiche hanno condizioni che rendono più efficiente un sistema di riscaldamento piuttosto che un altro.

Da questa constatazione e dalla necessità di ampliare le possibilità di risparmio ed efficienza nasce l’impianto ibrido.

Cosa si intende con questo termine?

Con l’espressione impianto ibrido si fa riferimento a qualsiasi sistema utilizzi due o più tecnologie differenti nello stesso apparecchio.

Nel caso della pompa di calore ibrida otterrai, dunque, il risparmio della pompa di calore ed il comfort della caldaia a gas.

Le due tecnologie, infatti, collaborano per garantire un clima sempre confortevole senza incidere sui costi energetici e riducendo al minimo l’emissione di gas inquinanti nell’ambiente.

Quando utilizzare una o l’altra? Tutto dipende dal tipo di abitazione e dalla zona in cui si vive.
Nelle aree geografiche dove le temperature scendono a livelli inferiori allo zero è più opportuno optare per un sistema ibrido.

Altro aspetto da tenere in considerazione durante la scelta è la tipologia degli elementi che compongono un impianto di riscaldamento.

Un sistema ad alte temperature composto da radiatori, termosifoni o fan coil si associa meglio ad un impianto ibrido, mentre in presenza di impianti radianti o a pavimento è più indicata la zero gas.

Ora che tutto è un po’ più chiaro, ti starai chiedendo se c’è una differenza di costo tra le due soluzioni.

Sì, i prezzi sono molto diversi.

Ma oggi questa differenza non ha più importanza perché, grazie al Superbonus 110% potrà essere tua a costo zero!

Corri a scoprire qual è la soluzione più adatta a te nella sezione dedicata oppure scrivici in chat. Un nostro esperto ti aiuterà ad orientarti.

Vai alla sezione dedicata

Condividi questo post